Il laboratorio di metallurgia preistorica

Nel solo caso della metallurgia, il protagonismo degli alunni, costante negli altri laboratori, è mitigato e orientato da ovvie ragioni di sicurezza.

L'atelier di metallurgia fa parte dei laboratori del Ronco di Capo di Ponte.

Modalità operative

I laboratori di Archeocamuni: gli alunni nella fucina ascoltano il fabbro...L'atelier-fucina è dedicato all'attività di fusione dei metalli dal vivo. La delicatezza delle procedure e l'intrinseca potenzialità di rischio hanno suggerito la sola modalità dimostrativa, senza che ciò riduca a totale passività la presenza degli allievi, che, anzi, vengono intrattenuti partecipativamente con continuo dialogo e momenti di animazione.

Protetta da un'ampia copertura, la fucina preistorica occupa il centro di un anfiteatro di sedili in doppia fila, su cui possono trovare posto due classi di consistenza media, che assistono contemporaneamente agli esperimenti per una durata compresa fra i venti e i sessanta minuti, secondo le rispettive disponibilità di tempo.

Un ricco dialogo fra il 'fabbro' e gli allievi tende a mettere in luce e a integrare le conoscenze di questi ultimi sui metalli, a chiarire le loro elementari caratteristiche e proprietà, la presenza in natura e la fruibilità da parte dell'uomo.

Ipotesi sulle prime esperienze metallurgiche umane conducono poi all'esperimento vero e proprio, in un crescendo di attesa che satura l'ambiente...

Della fucina vengono esplorate le parti, vengono scoperti nomi di materiali, attrezzi e azioni, mentre queste ultime si snodano in successione, fino al momento magico in cui la colata di metallo fuso si adagia negli stampi e assume la forma di pugnali, asce, ornamenti...

Agli insegnanti, infine, viene distribuita una scheda didattica che li affiancherà a scuola nella rievocazione dell'esperienza, con informazioni e proposte di percorso operativo.

Nella fucina

I laboratori di Archeocamuni: il cerchio preparatorio

Nell'anfiteatro, il dialogo con gli allievi è costante, fino al punto di sollecitare suggerimenti sulle azioni che il fabbro deve compiere nel percorso dal metallo grezzo al manufatto.

I laboratori di Archeocamuni: il fuoco!

Il fuoco, alimentato opportunamente, d'improvviso scaturisce sotto occhi attoniti. Il processo del suo divampare è oggetto di indagine attenta da parte degli allievi.

I laboratori di Archeocamuni: il fabbro istruisce gli allievi

Nel crogiolo il metallo fuso suscita interrogativi ai quali gli allievi, sotto la guida del fabbro, cercano di dare risposte congrue e logiche.

I laboratori di Archeocamuni: la colata dal crogiuolo

Il momento culminante del processo, la colata nelle forme, è seguito nel silenzio assoluto, il fiato sospeso...

I laboratori di Archeocamuni: la fusione in notturna

Talvolta, nell'ambito dei soggiorni di studio, l'esperienza viene svolta in tarda serata. L'oscurità della fucina accentua particolarmente il fascino dell'evento...